GIORNALE DI NIGUARDA - CA' GRANDA - BICOCCA - PRATOCENTENARO - ISOLA

Lo dimostra uno studio dell’Ospedale di Niguarda: Solo i vaccini riescono a debellare il carognavirus

Lo dimostra uno studio dell’Ospedale di Niguarda: Solo i vaccini riescono a debellare il carognavirus

Soltanto briganti come l’Uomo Mascherato, Zorro e Diabolik sono costretti a convivere a vita con le loro mascherine. È infatti l’unico modo che hanno per non farsi riconoscere quando combinano qualche malestro. Per tutti noi invece è il contrario: dobbiamo indossare le mascherine oggi, come difesa sicura contro il virus, in attesa di potercele togliere per sempre quando avremo sconfitto la pandemia con le vaccinazioni di massa che, come dicono gli studi al Niguarda, sono l’unico modo per poter tornare a respirare liberi e tranquilli. pag.

Il Fioretto di Zorro – Virus e bufale

Il Fioretto di Zorro – Virus e bufale

Da una parte noi, le vittime a rischio di ammalarci o di morire di coronavirus. Dall’altra gli eroi, che con impegno, coraggio e competenza ci hanno curato e guarito. Ma, attorno a noi, anche i terroristi, che, attraverso tv, giornali, social, per interesse, pregiudizio o cattiveria, ci imbrogliano diffondendo notizie false e pericolose che creano sospetti e paure screditando provvedimenti sanitari e vaccinazioni. Ecco alcune di queste bufale che chi non sa l’italiano chiama fake news: 1) “Le reti mobili 5G diffondono covid”. Falso. I virus non possono viaggiare attraverso le reti mobili, ma si diffondono mediante goccioline respiratorie quando un infetto parla, tossisce o starnutisce. 2) “Per proteggersi dal covid mangiare l’aglio”. Falso. L’aglio ha solo proprietà antimicrobiche. 3) “Se si indossano per troppo tempo le mascherine si rischia un’intossicazione da CO2”. Falso. Le mascherine non provocano intossicazioni e sono le solo a proteggerci dal virus. Anzi sono indispensabili in ambito sanitario, quando si ha un contatto prolungato con un contagiato. 4) “Il gel disinfettante non ci protegge, perché il covid è resistente all’alcol”. Falso. Il gel disinfettante, quale alternativa al lavaggio delle mani, costituisce un’arma essenziale per combattere la diffusione del virus. 5.) E infine la comica finale: “Quando ti iniettano il vaccino l’ago della siringa scompare nel braccio e rilascia un microchip con cui Bill Gates può controllarti”. Ridicola oltre che falsa. Per andare sul sicuro, se volete dati sicuri consultate l’OMS o l’Istituto Superiore di Sanità, che basano le proprie affermazioni su dati statistici ed evidenze scientifiche.

Fumetti negli occhi

Fumetti negli occhi

Meglio del Covid – Gero Urso

Cinghiali a mare! Cinghiali a mare! In questi giorni un pescatore siciliano ha filmato durante una battuta di pesca, al largo delle coste della splendida Marzamemi, in provincia di Siracusa, due cinghiali che nuotavano e annaspavano verso terra.

 

Giugno 2021

• Case Aler ed Ecobonus 110%
Il sito Agenzia delle Entrate informa che accedono all’Ecobonus 110% anche: “.Istituti autonomi case popolari (Iacp) comunque denominati o altri enti…L’agevolazione riguarda le spese sostenute entro il 30 giugno 2023, se…ecc.” Noi siamo da 100 anni in queste case (Aler Regione), finalmente c’è un’occasione irripetibile per una manutenzione dovuta da un secolo, non tanto per l’ecologia, quanto per la vivibilità, ma non si vede muovere un solo mattone o una sola tegola. Qual è questa volta l’impedimento insormontabile?
Giusto Buroni  (giugno)

Una pista ciclabile in via Racconigi?
Sarebbe interessante aprire un dibattito sulla gestione delle piste ciclabili in zona 9. In particolare attualmente si sta provvedendo a rifare le piste ciclabili in via Pirelli zona bicocca, Mi chiedo se non sia più opportuno realizzare una pista ciclabile in via Racconigi per completare il collegamento con il Parco Nord.
Francesco Accarino (giugno)

Alla fermata di Ca’ Granda c’è di tutto!
Segnalo un problema che permane da parecchi anni. Si tratta della pulizia dello spartitraffico, con i binari del tram, del viale Fulvio Testi, lato numeri dispari (ma penso sia così anche sul lato numeri pari), soprattutto in coincidenza della stazione MM 5. Abito proprio sopra la fermata Ca Granda-Pratocentenaro e vi assicuro che in mezzo a quei binari c’è di tutto! Ho telefonato più volte all’Amsa ma….nulla! Ho pensato di segnalare questo problema a voi, così attenti alla bellezza della zona, sperando che possiate segnalare anche voi il problema.
Mteresa Pipini  (giugno)

Occhio alle visite guidate nei borghi milanesi
Sono state di nuovo autorizzate attività culturali quali le “visite guidate” nei (vecchi) Borghi di Milano: ne esistono più di quanti si creda, ma tutti abitati da rispettabili residenti, che è oltraggioso esporre come oggetti di “arte povera”. Una ventina di trafelati “curiosi” di ogni età vengono trascinati da un’improbabile “guida” fra le case semi-diroccate dove, alle finestre e nei giardini, dignitosi vecchietti cercano di godersi la quota d’aria loro spettante. La guida addita case e vecchietti, recitando frasi sconnesse apprese da “esperti” della vicina Università, riguardanti vicende incredibili, ignote al Borgo e ai suoi vecchi abitanti, che così vengono violati sia nella privacy sia nella reputazione. I turisti ascoltano e fotografano distratti, ma poi registrano sui “social” le false notizie, e la diffusione, a volte “virale”, è diseducativa. Si chiede vivamente all’importuna Amministrazione, e agli zelanti neoresidenti che collaborano in cerca di visibilità, il dovuto rispetto.
Giusto Buroni (giugno)

Maggio 2021

• Milano città aperta: il ping pong è tornato a Milano

 Dopo il grande successo della scorsa edizione, che ha visto la partecipazione di oltre 400 giocatori e oltre 500 iscritti in lista d’attesa, ritorna “Milano città aperta al ping pong”, con una nuova formula. Nelle prossime settimane ci saranno vari tornei organizzati nei diversi quartieri (massimo 100 partecipanti per ogni zona) e i vincitori di ogni categoria si sfideranno in finale a settembre per il titolo cittadino. I primi tornei si svolgeranno sabato 5 e domenica 6 giugno sui tavoli di Via Toce, nel quartiere Isola e su quelli del Municipio 8 (Parco via Massena, e giardino “Pierangelo Bertoli”. In entrambi i casi le iscrizioni si sono chiuse in poche ore, avendo raggiunto il numero massimo di iscritti. Ci sono ancora posti liberi per il torneo del 12 e 13 giugno in via Mazzolari, nel quartiere Barona (qui i dettagli) e altre zone si aggiungeranno. I tornei vengono infatti organizzati autonomamente nei vari quartieri, con la nostra consulenza tecnica (promozione, raccolta delle iscrizioni e preparazione dei tabelloni), lasciando agli organizzatori solo il compito di comunicare i risultati. In questo modo ognuno potrà facilmente organizzare i tornei sugli oltre 50 tavoli da ping pong installati nelle piazze e nei parchi della città (vedi mappa), costantemente a disposizione dei cittadini di ogni età, che possono usarli gratuitamente. È in preparazione una app che consentirà agli appassionati di organizzare incontri e sfide tra amici e non, una sorta di torneo diffuso che potrà proseguire tutto l’anno, con tanto di classifiche e risultati che via via si aggiorneranno.

Pier Offredi (maggio)

• In via Minuziano lo zoo dei topi

Lo abbiamo denunciato un anno fa, ma ancora non ci siamo: in via Minuziano, al 37, dopo l’ultimo intervento dell’Amsa che ha raccolto la solita montagna di rifiuti sono emersi una decina di ratti di grosse dimensioni che si sono messi a razzolare in cerca di cibo sotto i nostri occhi. La situazione oltre che ripugnante è pericolosa, malsana e intollerabile. Oltre a delle ditte che lavorano, al civico 37 abitano diverse famiglie con bambini e nei paraggi c’è il parco giochi della Scuola parificata Achille Ricci.

Alessandra Furlottii (maggio)

Via Strabone, che disastro!

Alle autorità del Municipio 9 e del Comune di Milano. Oggetto: reclamo per mancata pulizia stradale via Strabone Milano (e altro). Perché piazza Archinto, per cui il Comune ha recentemente investito centinaia di migliaia di euro, ogni sera viene abbandonata in mano a persone che calpestano le aiuole, rovinano le aree gioco, sporcano e rovinano panchine e prati? Perché l’adiacente via Strabone è diventata un luogo di sosta selvaggia e la latrina degli avventori della piazza Archinto (vedi foto in basso)? Perchè la piazza Archinto viene pulita e bonificata ogni mattina e la via Strabone solo una volta alla settimana? Perchè gli scolari della scuola elementare di via dal Verme devono percorrere ogni mattina la via Strabone tra pozze di urina e altri escrementi? Perchè non vengono completati i dissuasori di sosta lungo il marciapiede a raso di via Strabone per evitare la sosta sul marciapiede? Perchè la via Strabone non viene asfaltata, dotata di adeguata illuminazione e di strisce pedonali visibili? Grazie se qualcuno ci può fornire delle risposte e aiutare a risolvere questa insostenibile situazione. Vi invitiamo ad inserire la via Strabone nello stesso ciclo di pulizia che viene effettuato giornalmente in piazza Archinto e installare bagni pubblici nella zona.

Lettera firmata (maggio)

• Sarca, attraversamenti sicuri

Ai Vigili del Municipio di Milano. Abbiamo notato che a seguito di nostra richiesta dopo il grave incidente a un pedone sull’attraversamento Venosta occorso in data 14 febbraio, è stata attivata semaforizzazione in due tempi per l’attraversamento pedonale da Sarca sud in direzione Venosta. Di questo ringraziamo, ma ora bisogna fare la stessa cosa sul semaforo che immette da Venosta su Sarca verso nord. Ringraziano i ragazzi delle scuole e i condomini di Sarca 81 Sarca 77. Rita Perani,

Elvira Montoli. Marco Costa (maggio)

• Gli ascensori guasti ai cimiteri

Gentilissimo sig. Sindaco, sono un disabile con problemi di deambulazione, e da inizio anno (sarò sfortunato, ma non penso) che, per tre volte che mi sono recato ai cimiteri Maggiore e di Bruzzano, per visitare i miei cari, ho trovato l’ascensore guasto, quindi non ho potuto recarmi davanti ai loculi. In attesa di una sua gentile risposta, porgo distinti saluti.

Fumagalli Gianni Paolo (maggio)

  



Redazione: via Val Maira 4 (Mi)
tel./fax 02/39662281
e-mail: zonanove@tin.it

Autorizzazione del Tribunale di Milano N. 64 del 8 febbraio 1997

Editore: Associazione Amici di
“Zona Nove” via Val Maira 4, Milano

Stampa: Litosud s.r.l. via A. Moro, 2
Pessano con Bornago (Mi)

Direttore: Luigi Allori.

Redazione: Clara Amodeo, Giovanni Beduschi (vignettista), Franco Bertoli, Andrea Bina, Roberto Braghiroli, Ortensia Bugliaro, Primo Carpi, Valeria Casarotti, Roberta Coccoli, Beatrice Corà, Riccardo Degregorio, Teresa Garofalo, Antonietta Gattuso, Sergio Ghittoni, Roberto Lana, Angelo Longhi, Lorenzo Meyer, Grazia Morelli, Sandra Saita, Gero Urso.

Collaboratori: Laura Albani, Valia Allori, Stefano Bartolotta, Silvia Benna Rolandi, Maria Piera, Bremmi, Don Giuseppe Buraglio, Arturo Calaminici, Daniele Cazzaniga, Augusto Cominazzini, Luca Corbellari, Silvia Cravero, Ivan Crippa, Silvia Faggiano, Luigi Ghezzi, Lorenzo Gomiero, Anna Maria Indino, Monica Landro, Luigi Luce, Sergio Maestri, Valeria Malvicini, Franco Massaro, Giorgio Meliesi, Michele Michelino, Luigi Muzzi, Pamela Napoletano, Stefano Parisi, Antonio Pizzinato, Giovanni Poletti, Laura Quattrini, Mira Redaelli, Mauro Raimondi, Margherita Rampoldi Meyer, Vittorio Sardo, Fabrizio Ternelli, Dario Vercesi, Norman Zoia.

Presidente dell’Associazione Amici di “Zona Nove”: Andrea Bina.

Pubblicità: Flaviano Sandonà (tel. 02/39662281).wmCoco

Impaginazione: Roberto Sala (tel. 3341791866).