Chi si reca all’Ospedale Maggiore Ca’ Granda, a Niguarda, può facilmente notare i due gruppi di sculture nel piazzale d’ingresso che spiccano oggi ancora più di prima, perché restaurate. Francesco Messina ha elaborato il gruppo degli Sforza (Milano del ‘400) nell’atto di donazione al Papa del bozzetto della Ca’ Granda (foto in basso), mentre Arturo Martini ha scolpito San Carlo Borromeo che consegna ai Deputati Ospedalieri la bolla del perdono ovvero il documento papale che concede l’indulgenza plenaria (foto in alto). Molto presto potrebbero diventare due belle fontane ma, ahimè, sarà difficile trovare un motore adatto a tale antico marchingegno. Comunque sono due esempi scultorei che colpiscono chi li guarda!