Milano non si ferma più: quest’anno ospiterà la sessione del Comitato olimpico internazionale

L’Expo 2015 ha cambiato in meglio il futuro di Milano. Dopo lo straordinario successo planetario di quell’evento la nostra metropoli non si è più fermata ma è andata in un crescendo senza freni. In corsa per il dopo Brexit per diventare la nuova City, a caccia dell’Agenzia Europea del Farmaco è di questi giorni il primo successo in campo sportivo: salvo sorprese dell’ultim’ora, Milano ospiterà la sessione del Cio (Comitato olimpico internazionale) 2019. Ci contavano e molto su questo risultato il presidente del Coni (Comitato nazionale olimpico) Comune e Regione. Voci ben informate raccontano che quando Milano ha ufficializzato la sua autorevole candidatura alcune città importanti si sono sfilate. Il discorso non fa una grinza visto che, oltre a Milano, avevano presentato una manifestazione d’interesse ad ospitare la sessione del Cio anche Bruxelles, Cracovia, Budapest, Istanbul, Nuova Delhi e una città degli Stati Uniti. Il dossier meneghino, forte anche del successo ottenuto dall’Expo e della grande unità d’intenti di Coni, Regione e Comune (finalmente le Istituzioni hanno fatto gioco di squadra) ha però alla fine fatto desistere le potenziali concorrenti, con Milano che sarà quindi candidata unica a ospitare l’evento. Il Cio ora nominerà una Commissione di valutazione che sarà nella nostra città il 23 e 24 maggio prossimi. Grande soddisfazione è stata espressa dal sindaco Beppe Sala che su Fb ha scritto: “Milano è l’unica ad aver accettato la sfida: il Cio ha comunicato oggi che la nostra città ospiterà l’Assemblea Generale del Comitato Olimpico Internazionale nel 2019. Sono davvero felice di questa notizia e sono certo che il progetto elaborato con il Coni non deluderà. Aspettiamo l’assegnazione ufficiale di settembre, a Lima. Nel frattempo mettiamoci al lavoro, abbiamo una Milano sempre più sportiva da far crescere e scoprire”. Non meno felice l’assessore regionale allo Sport Antonio Rossi: “Milano candidata unica è una bellissima notizia. Siamo pronti ad accogliere la sessione a braccia aperte. La Lombardia e Milano hanno già dimostrato di saper gestire grandi eventi. Noi ci siamo. Siamo capaci di giocare in squadra e quando lo facciamo i risultati arrivano”.