Una castagnata colorata alla Cirié-Girola

Il 23 ottobre, alla scuola dell’infanzia Cirié- Girola, si è festeggiata la castagna, frutto di stagione conosciuto fin dal Medio Evo, una volta piatto povero ma nutriente (Pan di Bosco). Il laboratorio “dalle castagne alla farina” è stato seguito con attenzione prima dalle classi “Cirié”: viola, rossa, bianca e arcobaleno e poi dalle classi “Girola”: azzurra, blu, arancione e gialla (circa 100 bimbi dai 3 ai 5 anni, ogni gruppo). Nel grande giardino della scuola i bimbi hanno cercato e raccolto le castagne, e hanno provveduto a una finta cottura. Infine hanno impastato la farina di castagne con uvetta per farne un dolcetto da portare a casa, e poi hanno assaggiato le caldarroste. L’80% di questi bimbi è straniero (Marocco, Egitto, Perù, Cina) e il 20% è italiano, quindi un insieme di culture, colori e sguardi che hanno reso la mattinata un evento allegro e istruttivo. Le educatrici Alessandra G. e Michela R., della classe azzurra, constatano che tutti i bambini all’inizio fanno fatica a inserirsi, soprattutto gli stranieri che però si approcciano bene con gli altri coetanei e con le educatrici anche se la lingua non è la stessa. Le classi sono divise con un adeguato equilibrio di età e nazionalità, 3 e 4 anni assieme e 4 e 5 anni assieme. L’inserimento nella scuola avviene in modo graduale alla presenza dei genitori e naturalmente delle maestre. Il rapporto con i genitori è praticamente giornaliero. Su richiesta, se necessario, esiste la supervisione di una psicologa.