GIORNALE DI NIGUARDA - CA' GRANDA - BICOCCA - PRATOCENTENARO - ISOLA

Come affrontare i raptus di fame con le erbe giuste

Come affrontare i raptus di fame con le erbe giuste

Il problema: attacchi di fame… non è da poco! Le cause di tale situazione sono molteplici e a volte lontane nel tempo. Più se ne è consapevoli, maggiore è la frustrazione con il conseguente aumento dell’aspetto ansioso sostenuto dalla rabbia inespressa che termina con l’abbuffata a volte notturna. È quasi un lup che va interrotto e a questo proposito è necessario intervenire su più fronti: il primo è di natura alimentare… (che tipo di cibo si mangia); il secondo è di tipo comportamentale… (cosa fare quando); il terzo è l’aiuto con erbe che sostengono la volontà e placano l’ansia da cibo, naturalmente gli altri aspetti sono più profondi e mirano ad analisi diverse. Oggi mi interessa affrontare l’argomento legato all’utilizzo di rimedi naturali. Lo stress e i momenti di tensione non aiutano a esercitare un buon controllo sul cibo, per questo motivo possono essere d’aiuto alcune piante adattogene che stimolano la capacità di reazione dell’organismo. Ad esempio la Rodiola favorisce la resistenza fisica e mentale, modula l’umore aumentando i livelli di serotonina. L’Escolzia invece, definita anche Papavero della California, svolge un’azione antidepressiva agendo sul sistema nervoso centrale favorendo il sonno e riducendo i risvegli notturni. È consigliata a chi soffre di fame notturna poiché contiene alcaloidi benzilisochinolinici e benzofenantridinici il principale dei quali è la protopina. La Griffonia contenendo 5-idrossitriptofano, il precursore endogeno della serotonina, è un valido aiuto nel contenere il desiderio di carboidrati. Diversi studi hanno evidenziato che un aumento dei livelli di serotonina innalza il tono dell’umore e diminuisce il desiderio di carboidrati. Infine un’altra pianta interessante contro le abbuffate nervose è la Magnolia che grazie ai suoi principi attivi modula lo stato ansiogeno e depressivo. Deve essere titolata in oniochiolo e magnololo al 90% e si può assumerne 300 gr due volte al giorno. Se sei una vittima delle fami nevose consuma papaia, mango, noci e mandorle perché sono i cibi del buon’umore.

Paola Chilò, Naturopata – Esperta in riequilibrio alimentare/intolleranze con orientamento psicosomatico Per informazioni o appuntamenti: Tel. 3396055882 Studio Naturopatia in via Terruggia 1, 20162 Milano e-mail: naturopaki@gmail.com – www.paolachilonaturopata.it

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn