Università Bicocca: due nuovi edifici per il piano di sviluppo del Campus

La neo Rettrice dell’Università Bicocca, Giovanna Iannantuoni, nel corso dell’ naugurazione dell’anno accademico ha presentato il piano di sviluppo dell’attuale campus universitario (foto 1) che prevede la costruzione di un nuovo edificio, l’U10, e la ristrutturazione di una struttura già esistente, l’U19.
In dettaglio l’U10 (vedi foto 2) sarà diviso in due zone: l’U10.1 e l’U10.2. Nell’U10.1 troveranno dimora sale riunioni, spazi ricreativi, aule didattiche per lo studio di gruppo, uffici e studi per dipartmenti mentre l’ U10.2 avrà in 5 piani, per 3.000 mq, 84 camere con 104 posti letto per studenti universitari e, al piano terra, una zona fitness di quasi 300 mq ed una sala seminari da 90 posti. Completeranno il tutto 2 piani interrati con sala lavanderia e stireria e un parcheggio per auto e bici. Alla nuova struttura verrà abbinato uno spazio verde di 19.000 mq.
L’U19 altro non è che il recupero e la trasformazione della vecchia “Centrale ad Idrogeno” (vedi foto 3) di proprietà della A2a, acquistato nel 2016 dall’Università con l’intento di trasformarlo in una struttura con nuovi laboratori dedicati al monitoraggio geologico ambientale della Terra e per il potenziamento delle attività nel settore della produzione di energia elettrica e fonti rinnovabili.
“Oggi inauguriamo insieme un nuovo anno accademico dell’Università di Milano-Bicocca all’insegna di un disegno ambizioso che punta allo sviluppo delle infrastrutture dell’Ateneo con particolare attenzione agli spazi dedicati alle aule didattiche tecnologiche e a nuovi laboratori destinati alla ricerca per lo sviluppo e la salvaguardia del nostro pianeta”, ha detto la rettrice in un’aula magna gremita per l’occasione, alla presenza altresì della vice-ministra dell’Istruzione, Università e Ricerca, Anna Ascani.