GIORNALE DI NIGUARDA - CA' GRANDA - BICOCCA - PRATOCENTENARO - ISOLA

L’Isola ricorda Vittorio Di Taranto

L’Isola ricorda Vittorio Di Taranto

Vittorio era pugliese (di Taranto…) e aveva 78 anni. Dei quali 55 vissuti a Milano, la città del lavoro che lo attira poco più che ragazzo. In pratica, però, tutti all’Isola… Il fatto è che, quasi subito, in Piazza Duomo all’Alemagna, Vittorio incontra Lea… ed è amore reciproco a prima vista. Siamo nel 1968. Lei ha appena aperto un negozio di maglieria e di intimo in piazza Minniti e lui, che aveva, dopo un frenetico carosello di esperienze lavorative, trovato un ottimo impiego, la segue. Arrivano i figli, Fabio e Simona. Il negozio si consolida, estende la sua offerta di abbigliamento. In un quartiere in cui ci si conosce tutti come in un paese, il locale costituisce anche un punto di riferimento e di incontro per sapere le ultime novità o solo per scambiare due parole con i suoi titolari. Amico di tutti e ascoltato interlocutore delle istituzioni comunali, nel lungo corso di uomini e di cose che rimodella e trasforma il suo quartiere di adozione, Vittorio è uno degli esponenti più rappresentativi della comunità isolana dei commercianti. Oltre che, per decenni, il mitico cassiere della locale sezione “dem” e un attivo iscritto Anpi. Nel 2002 il negozio cambia insegna. Diventa la boutique Simona, il nome della figlia che da tempo vi lavora e rappresenta il nuovo spirito del mercato. E, pur rimanendo un porto franco per gli amici, il locale diviene il fiore all’occhiello di una piazza simbolo di uno dei quartieri più speciali di Milano. Un quartiere che assiste in pochi anni a una delle più spettacolari operazioni urbanistiche della storia della città. Poi… nel 2009 Lea se ne va, all’improvviso. Esercitando, senza volerlo, l’unica clausola di recesso che il suo contratto prevede. All inizio di questo settembre anche Vittorio ci ha lasciati. A salutarlo, dentro e fuori dalla chiesa del Sacro Volto, stretti attorno a Fabio e a Simona, i familiari e i vecchi amici di sempre. Ma anche gli amici dei figli, anche i compagni, anche tutta piazza Minniti, anche tutto il quartiere.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn