GIORNALE DI NIGUARDA - CA' GRANDA - BICOCCA - PRATOCENTENARO - ISOLA

Il fioretto di Zorro: pubblico è bello

Il fioretto di Zorro: pubblico è bello

Perché la Lombardia, regno incontrastato prima di Comunione e Liberazione e poi della Lega, alle prime spallate del Coronavirus è andata così velocemente in tilt da diventare la Regione più indifesa dalla pandemia del Coronavirus? I responsabili del tracollo sono presto individuabili. Prima di tutto, per esempio, certi industriali della Bergamasca e del Bresciano che, con il beneplacito della stessa dirigenza regionale, hanno richiesto e a volte ottenuto per tutti i mesi dell’ondata primaverile il divieto di azioni anticontagio che potessero creare problemi ai loro affari. Poi i difensori della cosidetta “ricetta lombarda” che dai tempi del buon Formigoni hanno un unico obiettivo: distruggere la sanità pubblica – taglio del personale ospedaliero, riduzione dei posti letto, abbandono dei medici di base… – per far posto alle speculazioni e al finanziamento dei complessi ospedalieri privati. Da qui l’impossibilità di accogliere e curare i contagiati, che se si sono salvati e stato grazie alle competenze professionali e allo spirito di servizio di medici e infermieri. Comunque sia per la rinascita della Sanità nazionale c’è ancora spazio. Lo dimostrano anche certe iniziative del nostro Niguarda: il progetto Infer-mieri di Comunità e l’aquisizione di posti letto esterni per pazienti in via di guarigione (pag. 3).

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn