GIORNALE DI NIGUARDA - CA' GRANDA - BICOCCA - PRATOCENTENARO - ISOLA

Alla Kasa dei Libri un inedito Marc Chagall

Alla Kasa dei Libri un inedito Marc Chagall

Chi non conosce le grandi tele colorate che attraverso l’ironia e il sogno permettono a Chagall di recuperare qualcosa del fiabesco proprio della tradizione della pittura russa? Tutti certamente ricordano le sue immagini paradossali per le strane “levitazioni” dei personaggi, angeli, capre e violini, fidanzati, musicisti e candelabri dalle sette braccia che volteggiano nell’aria sorvolando tetti di case e guglie di campanili. Non saranno tuttavia queste le opere che potremo vedere dal 24 febbraio nella mostra alla Kasa dei Libri. Il prof. Andrea Kerbaker, curatore dell’evento, ha voluto infatti privilegiare lo Chagall più intimo, meno noto, l’illustratore di opere spesso edite in poche copie, magari cent’anni fa, e non più ristampate. Potremo così ammirare per la prima volta opere mai circolate in Italia, mai esposte, opere che nessuno possiede, assolutamente sconosciute. Tra queste le originali illustrazioni create dal grande artista bielorusso per numerose plaquettes, opuscoli poetici composti da suoi amici, e le 26 grandi tavole illustrate con la tecnica del lavis a inchiostro di china per il Decameron di Giovanni Boccaccio pubblicato sulla rivista “Verve” nel 1950. Tante davvero le illustrazioni realizzate da Chagall per libri, copertine di riviste, programmi di sala per spettacoli teatrali e balletti, lavori splendidi, come si è detto per lo più sconosciuti. Tra le chicche la copertina per Israel (1955) il racconto fotografico dell’amico Izis sullo stato israeliano appena formato, e le illustrazioni per il libro di poesie della poetessa americana Hazel Collister Hutchison, mai apparso in Europa. Un settore della mostra è dedicata ai cataloghi, alcuni dei quali oggi introvabili, che documentano l’attività internazionale di Chagall, a partire da quello del 1946 realizzato per la retrospettiva al MoMa. E tra le molte monografie a lui dedicate, una trentina di volumi dai primi degli anni Venti a quelli del dopoguerra, troviamo anche un libro mai apparso in Europa uscito in edizione numerata nel ‘45 a New York dove l’autore Lionello Venturi, uno dei 12 docenti universitari che non avevano aderito al fascismo, si era rifugiato. Una mostra da non perdere che attraverso una raccolta straordinaria di opere rare ci dà modo di approfondire il valore artistico e la poliedrica personalità di un personaggio tra i più noti e interessanti del ‘900.

“Il Boccaccio di Chagall” alla Kasa dei Libri, Largo De Benedetti,4, è visitabile fino al 9 aprile con ingresso gratuito dal lunedì al venerdì, ore 15-19, con prenotazione obbligatoria allo 02.66989018 o per mail a mostre@laKasadeilibri.it.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn