GIORNALE DI NIGUARDA - CA' GRANDA - BICOCCA - PRATOCENTENARO - ISOLA

L’anno di Dante (nelle scuole e sui violini di Frigo)

L’anno di Dante (nelle scuole e sui violini di Frigo)

Il 2021 è in Italia e nel mondo l’anno delle celebrazioni dantesche: infatti ricorrono i 700 anni dalla morte del poeta e sono previste iniziative e festeggiamenti su tutto il nostro territorio e in molte città straniere. Un progetto sui proverbi danteschi è rivolto agli studenti delle scuole medie e superiori: “Le parole di Dante Alighieri curato dalla sezione Scuola dell’Accademia della Crusca”. Ogni giorno di quest’anno il sito dell’Accademia ospiterà una parola o espressione dantesca con un breve commento, di volta in volta, preparato da un accademico. Il 25 marzo sarà ufficialmente il “Dantedì” e ci sarà un fitto calendario di eventi andando un po’ oltre al famoso “Nel mezzo del cammin di nostra vita”. Nella sua vita (1265-1321) viaggiò e visse in luoghi diversi: Firenze che lo vide nascere e poi lo esiliò, Verona che lo ospitò e Ravenna che lo accolse fino alla fine dei suoi giorni! Fece anche tappe nelle città di Roma, Arezzo, Pisa, Bologna e Forlì. L’anno di Dante (nelle scuole e sui violini di Frigo) Beatrice Corà Tantissimi sono gli eventi digitali ma trovo particolarmente importante segnalare l’artista Leonardo Frigo che ha illustrato i canti dell’Inferno di Dante su 33 violini e un violoncello. Ha realizzato a mano su tutti gli strumenti a corda i più significativi passi dell’Inferno, ogni strumento è dedicato ad un canto. Ci sono voluti 5 anni della sua attività artistica e proprio nel dicembre 2020 ha finito i suoi capolavori in cui ha unito musica, poesia, arte e artigianato in pezzi originali, unici e geniali nel genere. Lui dice: “L’Inferno di Dante mi ha sempre ispirato fin da bambino, mi ha insegnato ad immaginare e sognare”. L’arte di Frigo, tutta eseguita a china, rappresenta, in un certo senso, un’opera certosina. È stata presentata in anteprima al museo Royal Institution of Great Britain, ad Harrods e all’evento Bond Street Awards a Londra. Su Instagram si può vedere il video che ha già superato i 10 milioni di visualizzazioni. 150/200 ore di lavoro per avere uno strumento accurato, ricercato, verniciato ed installato sulla propria base corredato da un testo descrittivo sia in italiano che in inglese per analizzare e mettere in luce i particolari. Se ci fosse Dante, senza dubbio, rimarrebbe anch’egli colpito e meravigliato da tanta bravura. Dante, sommo poeta, ricordato per sempre in ogni forma di arte e cultura!

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn