GIORNALE DI NIGUARDA - CA' GRANDA - BICOCCA - PRATOCENTENARO - ISOLA

Dall’edilizia popolare al pagamento dei debiti, dal Welfare ai buoni taxi: Ecco i provvedimenti messi in campo dal Comune di Milano

Dall’edilizia popolare al pagamento dei debiti, dal Welfare ai buoni taxi: Ecco i provvedimenti messi in campo dal Comune di Milano

Ritorno a scrivere dopo aver contratto il Covid19 ed essere, fortunatamente, guarita e proverò sinteticamente a porre l’attenzione su alcuni provvedimenti che abbiamo messo in campo come Comune di Milano. • Case di edilizia residenziale pubblica, più conosciute come case popolari: verranno investiti oltre 100 milioni di euro,attraverso il gestore, ossia MM (gli alloggi Aler sono di proprietà di Regione Lombardia che deve occuparsene). Si tratta di un’operazione legata al bonus 110% che rappresenta una straordinaria occasione di riqualificazione del nostro patrimonio edilizio (28.000 alloggi). L’obiettivo ovviamente è duplice: migliorare la qualità della vita di chi abita questi edifici e risiedenei vari quartieri e ridurre le emissioni dei palazzi coinvolti, determinando, di fatto, un risparmio futuro, per esempio sui costi di riscaldamento.

• Condomini misti, ossia quelli in cui vi sono sia appartamenti di proprietà del Comune sia di proprietà privata: verranno stanziati dal Comune 4milioni di euro per la progettazione degli interventi e 20milioni per gli investimenti e, in questi casi, ovviamente, la realizzazione dell’intervento dipenderà dall’assemblea condominiale, soprattutto laddove il Comune non ha la maggioranza dei millesimi.

• Debiti verso il Comune di Milano (tributi, multe, canoni): rimodulazione delle rate fino a 72 mesi (6 anni) per saldare i debiti. Una misura attivabile con un’autodichiarazione di difficoltà economica, senza limiti di reddito, senza necessità di prestare garanzie e con la riduzione degli interessi a un terzo.

• Rinvio pagamenti verso il Comune e proroga canoni e concessioni: in Consiglio Comunale abbiamo chiesto il rinvio di sei mesi di tutti i pagamenti verso l’Amministrazione (Tari, Cosap, Imposta di soggiorno, affitti, ecc) e la proroga di 24 mesi di tutti gli affitti e le concessioni in essere, per cercare di venire incontro e dare un poco di sollievo a cittadini, associazioni e imprese maggiormente colpiti dalla crisi economica causata dalla pandemia.

• “Welfare di tutti e per tutti”: lo spirito è quello di aumentare sempre più l’attenzione nei confronti dei vecchi e dei nuovi bisogni così come delle fragilità sempre più diffuse, per poter favorire benessere, salute e inclusione sociale, per uno sviluppo più equi della nostra comunità. WeMi è il sistema di servizi promosso dal Comune di Milano – in collaborazione con il Terzo settore – per facilitare e promuovere l’accesso dei cittadini ai servizi pubblici e privati per la cura e l’assistenza. Si tratta di una piattaforma attiva dal 2018 che favorisce l’incontro tra necessità, solidarietà e professionalità. Soprattutto oggi, WeMi rappresenta una risposta importante per i milanesi in difficoltà ed è presente sul territorio con spazi in ogni quartiere e servizi per ogni fascia d’età. In Municipio Nove lo sportello è in via Ornato 7 e nel link si può trovare l’elenco completo di tutti punti WeMi in città:wemi. comune.milano.it/spazi-wemi

• Bonus Taxi: grazie a risorse arrivate dal Governo, il servizio è stato rifinanziato per tutto il 2021. Questo contributo consentirà di utilizzare il servizio di taxi o NCC con un’agevolazione pari al 50% dell’importo della corsa a partire da maggio. Qui il link per richiedere il Bonus Taxi  formshd4.comune.milano.it/pages/buoniviaggio/index.jsp

• Cosap, Imu, Irpef, Canone Rai: la Commissione del Senato ha prorogato l’esenzione dal pagamento del canone di occupazione di suolo pubblico (Cosap) fino al 31 dicembre, una misura che a Milano abbiamo fortemente voluto e che dal 2020 ha permesso di autorizzare oltre 2.700 occupazioni di suolo per offrire più spazi esterni alle attività commerciali in difficoltà. Ma non solo:l’emendamento approvato dalla Commissione del Senato ha approvato anche l’esenzione totale della prima rata Imu, l’esenzione dell’Irpef sui canoni di locazione non percepiti e l’esenzione del canone Rai per i locali che hanno tenuto chiuso in questo periodo. Approvazione bilancio preventivo: si tratta di un atto che ci permette di garantire piena continuità ai servizi per i cittadini e agli investimenti per la città. Lavoreremo da subito per una prossima variazione di bilancio che permetterà di sbloccare ulteriori aiuti alle famiglie e alle categorie più colpite dalla crisi pandemica e su questo vi terrò aggiornati.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn