GIORNALE DI NIGUARDA - CA' GRANDA - BICOCCA - PRATOCENTENARO - ISOLA

Inaugurata la Panchina rossa al circolo Acli Bicocca

Inaugurata la Panchina rossa al circolo Acli Bicocca

Grande affluenza, lo scorso 30 maggio al Circolo Acli Bicocca di via Alberto Nota 19 per l’inaugurazione della Panchina rossa, simbolo di attenzione verso il grave fenomeno della violenza sulle donne. A fare gli onori di casa il presidente Claudio Antonelli, che ha spiegato come la decisione di collocare una panchina rossa nel cortile del circolo abbia come scopo quello di mantenere viva la sensibilità al problema e stimolare chi è in difficoltà a rivolgersi alle strutture di aiuto. A questo proposito è seguito l’intervento di Renata Rossi responsabile del SeD, Servizio donne in difficoltà (contatto 0276037252 o mail maltrattamentodonne@ caritasambrosiana.it), che aiuta le donne ad uscire dalla violenza e a ritrovare l’autonomia. La Rossi ha denunciato come “purtroppo i numeri delle donne maltrattate sono agghiaccianti. Il fenomeno ha una radice culturale, trasversale a tutti i ceti sociali e a tutte le età. Per poter cambiare questo modello culturale è necessario riflettere sul ruolo della donna e sulla parità di genere. Da un punto di vista operativo a Milano sono presenti dodici Centri Antiviolenza presso i quali le donne si possono rivolgere. Sono gratuiti, a nominativo segreto e l’ascolto è previsto tecnicamente “donna con donna”. Dopo Renata Rossi è stata la volta di Beatrice Uguccioni, vice presidente del Consiglio Comunale di Milano, che ha sottolineato come una “Panchina rossa” sia differente da tutte le altre. Differente perché è un monito a pensare alle tante (troppe) donne che vengono ammazzate da chi dichiara di amarle, alle donne che quotidianamente subiscono violenza; un monito a contribuire con il nostro linguaggio e le nostre azioni a cambiare mentalità e cultura; un monito nei confronti delle giovani generazioni perché acquisiscano maggiore consapevolezza e agiscano con rispetto. Ma la panchina rossa è anche un modo per dire alle donne maltrattate che non sono sole, che possono rivolgersi al numero #1522 attivo h24 per chiedere aiuto.”

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn