GIORNALE DI NIGUARDA - CA' GRANDA - BICOCCA - PRATOCENTENARO - ISOLA

“Logos”: un progetto dell’Università Bicocca per la didattica green

“Logos”: un progetto dell’Università Bicocca per la didattica green

Con la posa della prima pietra ha preso il via giovedì 10 giugno, alla presenza del sindaco Giuseppe Sala e dell’assessore regionale all’Università Fabrizio Sala, un innovativo straordinario progetto che – spiega la rettrice Giovanna Iannantuoni – “guarda all’Università del futuro, aperta, sostenibile e soprattutto integrata, in dialogo con la natura”. Esattamente tra viale dell’Innovazione, via Stella Bianca, via Sesto San Giovanni e via Fubini, sull’area del quartiere una volta occupata dagli stabilimenti della Pirelli data in concessione trentennale all’Università dal Comune di Milano, sorgerà infatti entro il 2023 un nuovo edificio, U10-Logos, un nuovo spazio di formazione e ricerca immerso in un Bosco urbano connesso al Parco Nord grazie a isole fiorite e a numerosi spazi verdi che stanno nascendo in Ateneo e nel quartiere. Nel Bosco, dalla superficie di oltre 19mila metri quadri, si potranno distinguere tre diverse aree. La prima con alberi di grandi dimensioni, numerose specie arbustive e di sottobosco, richiamerà la foresta naturale e planiziale lombarda. Alberi eliofili, piante da frutto, erbe aromatiche e specie erbacee e arbustive che con le loro fioriture consequenziali regalano profumi e colori all’ambiente caratterizzeranno invece la seconda area realizzata per essere vissuta e per approfondire le conoscenze sulla biodiversità. In questa area, infatti, aperta anche ai cittadini, sorgeranno spazi didattici e laboratori di ricerca per uno studio en plein air. Il “Giardino degli impollinatori” infine è l’area dedicata a piante a fiore dove insetti di vario tipo, farfalle, bombi e api, potranno fermarsi per raccogliere nettare e polline e volando tra gli altri spazi verdi del quartiere e i grandi parchi svolgere al meglio il loro compito, quello di implementare la biodiversità. Ma il fiore all’occhiello del Bosco è il “biolago”, unico a Milano. Ricco di essenze capaci di depurare l’acqua ospiterà anfibi e insetti a rischio di estinzione, e si spera anche uccelli migratori, libellule di diverse specie e rospi smeraldini. In questo splendido contesto si inserisce l’U10-Logos, un edificio formato da un “corpo basso” di soli 4 piani che dà sul viale dell’Innovazione e ospita aree e uffici per la funzione didattica del dipartimento, una “torre residenziale” con 84 camere per gli studenti, una palestra, sala musica, sale studio, sale riunioni e infine un “corpo basso” prospiciente il parco urbano a est, interamente occupato da aule didattiche con arredi mobili, terrazzi, pergolati e giardini pensili affacciati sul verde. Come si vede uno spazio giovane, moderno, altamente tecnologico nel quale la sostenibilità appare perfettamente integrata con l’innovazione con l’obiettivo di migliorare la vita dei cittadini. La cerimonia è stata anche l’occasione per presentare un’altra novità. Gli edifici del Campus, afferma la rettrice Giovanna Iannantuoni, da oggi “non avranno più nomi senza cuore” ma accanto al numero che li contraddistingue e ne ricordano le origini ora troveremo un nome, parole greche o latine che ne sottolineano l’identità. L’U6, il quartier generale, sarà “Agorà”, l’U2 di Fisica “Quantum”, il dipartimento di Matematica “Ratio”, quello per le Scienze della Vita “Bios” e così via, mentre a ribattezzare l’U9 e l’U7 saranno gli stessi studenti scegliendo tra una rosa di proposte. Per l’U10, che sta per nascere e che ospiterà i dipartimenti di Giurisprudenza e Sociologia il nome c’è già. Si chiamerà “Logos”.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn