GIORNALE DI NIGUARDA - CA' GRANDA - BICOCCA - PRATOCENTENARO - ISOLA

Il Fioretto di Zorro – Virus e bufale

Il Fioretto di Zorro – Virus e bufale

Da una parte noi, le vittime a rischio di ammalarci o di morire di coronavirus. Dall’altra gli eroi, che con impegno, coraggio e competenza ci hanno curato e guarito. Ma, attorno a noi, anche i terroristi, che, attraverso tv, giornali, social, per interesse, pregiudizio o cattiveria, ci imbrogliano diffondendo notizie false e pericolose che creano sospetti e paure screditando provvedimenti sanitari e vaccinazioni. Ecco alcune di queste bufale che chi non sa l’italiano chiama fake news: 1) “Le reti mobili 5G diffondono covid”. Falso. I virus non possono viaggiare attraverso le reti mobili, ma si diffondono mediante goccioline respiratorie quando un infetto parla, tossisce o starnutisce. 2) “Per proteggersi dal covid mangiare l’aglio”. Falso. L’aglio ha solo proprietà antimicrobiche. 3) “Se si indossano per troppo tempo le mascherine si rischia un’intossicazione da CO2”. Falso. Le mascherine non provocano intossicazioni e sono le solo a proteggerci dal virus. Anzi sono indispensabili in ambito sanitario, quando si ha un contatto prolungato con un contagiato. 4) “Il gel disinfettante non ci protegge, perché il covid è resistente all’alcol”. Falso. Il gel disinfettante, quale alternativa al lavaggio delle mani, costituisce un’arma essenziale per combattere la diffusione del virus. 5.) E infine la comica finale: “Quando ti iniettano il vaccino l’ago della siringa scompare nel braccio e rilascia un microchip con cui Bill Gates può controllarti”. Ridicola oltre che falsa. Per andare sul sicuro, se volete dati sicuri consultate l’OMS o l’Istituto Superiore di Sanità, che basano le proprie affermazioni su dati statistici ed evidenze scientifiche.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn