GIORNALE DI NIGUARDA - CA' GRANDA - BICOCCA - PRATOCENTENARO - ISOLA

Carolina, una tartaruga veramente speciale!

Carolina, una tartaruga veramente speciale!

È il titolo di un racconto scritto dalle bambine e dai bambini della 5^ C della Scuola Primaria Vittorio Locchi, un lavoro collettivo realizzato lo scorso anno scolastico. Il loro maestro, Flavio Perotti, così si esprime per la gioia: “Con grandissima emozione annuncio che è stato finalmente pubblicato il libro per cui le bambine e i bambini della mia classe hanno lavorato tanto e bene. Sono orgoglioso di loro, perché attraverso il testo che hanno scritto, con la naturalezza che contraddistingue i bambini, sono riusciti a trasmettere un bel messaggio sull’importanza dell’amicizia, dell’accoglienza e del rispetto della diversità che arricchisce ognuno di noi”. Da dove e da chi è partita l’idea del racconto? “L’idea è partita da loro, da una situazione accaduta in classe, quindi si è poi sviluppata mescolando elementi realistici e quotidianità scolastica ad altri di pura fantasia”. La notizia più bella è che avete deciso di donare la totalità degli eventuali ricavi che vi spettano per i diritti d’autore (circa il 20-30% del prezzo di copertina, in base allo store su cui vengono acquistati) all’associazione noprofit “Amani for Africa”, e in particolare al progetto “Mthunzi Centre”, un centro di Lusaka, in Zambia, che si occupa di assistere e istruire bambini di strada. I ragazzi hanno accettato la proposta? “Quando hanno realizzato che il racconto si sarebbe trasformato in un vero e proprio libro, a loro è venuto spontaneo pensare ad un’associazione benefica a cui poter donare il ricavato della vendita e dopo una ricerca effettuata insieme hanno scelto quella”. Chiunque potrà acquistare il libro sul sito link: https://www.youcanprint.it/…/febebe1f-b293-5e2f-af64… o ordinarlo sugli store online della Feltrinelli, Amazon, Mondadori e tanti altri. Basterà digitare “Carolina, una tartaruga veramente speciale”.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn