GIORNALE DI NIGUARDA - CA' GRANDA - BICOCCA - PRATOCENTENARO - ISOLA

Con Giovanni Candida il libro debutto di Clara Amodeo

Con Giovanni Candida il libro debutto di Clara Amodeo

Èla guida culturale del percorso di WallsOfMilano, il fotografo che ha fatto entrare nella storia la Street Art di Milano. “Il burrone e il salto” (Meltemi Editrice) è un libro presentato nell’ambito di Book City 2021 dai suoi due co-autori. Giovanni Candida alias Gianfranco alias WallsOfMilano, fotografo e collezionista di opere di Street Art e Writing, classe 1958, e Clara Amodeo, giornalista e critica dell’arte all’Università degli Studi di Milano. Classe 1989. È un generoso album fotografico con cento esempi di graffitismo e arte urbana milanese negli anni 2006-2020. Graffiti e murales di tutti i tipi, di tutte le misure, di tutte le tendenze. Perché il graffitismo nasce solitario, ripetitivo sino all’ossessività, espressione di malessere e di insofferenza che viene spesso condannata, a volte anche penalmente perseguita. Ma poi diventa più complesso, tematico, corale… diventa Street Art. Come dice nella presentazione il libro è… “una pura immersione nella street photography, o meglio: nella street art e nel mondo del writing a Milano di cui Candida è diventato narratore ufficiale. Un bellissimo reportage fatto di arte murale, di colore, di amicizia e storie cittadine. WallsofMilano è proprio questo: il racconto della scena della street art milanese”. Come si legge sulla copertina del libro, in esso “si susseguono spazi occupati, quartieri, gallerie d’arte ed eventi dove l’Arte Urbana ha trovato la sua naturale collocazione e dove gli artisti… hanno avuto modo di conoscere WallsOfMilano, di apprezzare la sua poetica fotografica, di vivere esperienze condivise e di stringere vere e proprie amicizie.” Il titolo è appunto il verso finale di un poemetto dedicato a WallsOfMilano da parte di uno di questi, ivan (i rigorosamente minuscola…) autore, tra l’altro, del recente grande murale dell’Isola, il volto di Aida, modella del maestro Messina, alto quanto un caseggiato. “Se noi siamo il burrone, Giovanni, tu ne sei il salto.” Il libro diventa pertanto un prezioso filo di Arianna per entrare nel labirinto, per quasi tutti noi assolutamente sconosciuto, di squadre (crews) e di eroi solitari della Street Art. I miei primi sessant’anni, Luoghi abbandonati e recuperati. Le più epiche scorribande. Eventi e interventi. Dal mondo a Milano. Protagonisti di una collezione. Scattare le prime foto. Sono i capitoli che scandiscono l’opera, vero e proprio viaggio a ritroso nella vita artstica di WallsOfMilano”. Ma tutta questa testimonianza di opere e di eventi resterebbe muta senza il lavoro di cucitura e di contestualizzazione di Clara.Tutti i capitoli iniziano con la sua voce narrante, limpida, partecipe, documentata in modo chiaro con riferimenti, nomi, date e… aneddoti. Calma, documentata, onnipresente, Clara si muove, come benvoluta testimone e preparata e già matura studiosa, nella matassa di riferimenti storici, culturali, cronachistici, affettivi che affolla il volume. Dando anima e senso all’incredibile flusso visivo delle pagine.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn