GIORNALE DI NIGUARDA - CA' GRANDA - BICOCCA - PRATOCENTENARO - ISOLA

“L’elfa che salvò il Natale” L’inclusione nella magia delle Festività

“L’elfa che salvò il Natale” L’inclusione nella magia delle Festività

“L’elfa che salvò il Natale-Storie e giochi per un Natale inclusivo” è un libro bello, educativo e commovente scritto per i bambini ma anche gli adulti. Il volume (si può acquistare su Amazon) è un libro natalizio che raccoglie fiabe, disegni, racconti reali, giochi tutti realizzati appositamente per feste che siano realmente inclusive. C’è la storia sulla vita degli addobbi, che si svegliano dal letargo nel buio degli scatolini in cantina, e quella sulla grande slitta rossa con Babbo Natale e gli elfi. E storie ispirate a difficoltà vissute da bambini come Marta, che ha la Sma di tipo 1, è in carrozzina e non ha potuto partecipare alle prove della recita di Natale perché l’ascensore era rotto… Il libro fa parte del progetto “La Scuola Inclusiva” nato per garantire lo studio a tutti. Le ideatrici di questa iniziativa sono l’avvocato Cristina Lavizzari che si occupa di inclusione sociale e scolastica sostenendo le famiglie dei bambini con disabilità e la giornalista Elisa Bortolini esperta dei temi della sanità sul giornale online sanitadomani. com e curatrice di un progetto sull’inclusione sul blog #storiecocciute. “La Scuola Inclusiva” nasce con un doppio percorso. Da una parte, fornire consulenza con accesso gratuito alle famiglie, per affrontare il percorso scolastico dei bambini con disabilità. Dall’altra parte, promuovere l’inclusione attraverso pubblicazioni per bambini che promuovano un nuovo modello di inclusione. Libri con disegni da colorare e giochi, oltre a racconti, nella quale la disabilità, anche grave, è presentata nella sua quotidianità. Un modo per mostrare ai bambini, i più ricettivi, che la diversità esiste nelle necessità e nei modi con cui interagiamo, non nella sostanza. E anche un esempio diverso di illustrazioni e racconti per i bambini con disabilità, che possono avere modelli in cui ritrovarsi.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn