GIORNALE DI NIGUARDA - CA' GRANDA - BICOCCA - PRATOCENTENARO - ISOLA

La miglior alimentazione in convalescenza (post covid19 e non…)

La miglior alimentazione in convalescenza (post covid19 e non…)

Il cibo è più di un semplice pasto, è carburante e informazioni per ogni singolo organo, tessuto o cellula del nostro corpo. Ci sono pregi e difetti in tutte le cosiddette “diete”, o meglio “regole alimentari”, ma nel caso di un periodo di convalescenza dopo una malattia influenzale (ultimamente ne abbiamo…), risulta opportuno utilizzare dei cibi che non carichino troppo gli organi emuntori ed abbassino la situazione infiammatoria. L’alimentazione che consiglio si rifà ad uno stile nutrizionale definito chetogenico, ma rielaborato in un’ottica di bilanciamento ed equilibrio acido/ basico, nel quale vi è la prevalenza di frutta e verdura (non troppo fibrosa) a discapito delle proteine animali con eccezione di uova, pesce e carni bianche. Il salmone è l’alimento prediletto per la presenza di omega 3 (antinfiammatori). È molto importante l’analisi quotidiana del carico glicemico durante i pasti, poiché il pancreas non va sollecitato e quindi e opportuno limitare gli zuccheri e i carboidrati raffinati. La caseina, presente nei latticini, è una proteina pro-infiammatoria, pertanto la sua assunzione va definita in base anche alla costituzionalità della persona, tenendo presente il buon funzionamento intestinale. In alcuni casi, dove vi è stato un periodo di stress fisico notevole con assunzione di farmaci importanti, può essere il caso di detossificare ed alleggerire l’organismo con un piccolo digiuno intermittente che contempla un distanziamento temporale di 16/18 ore dalla cena al primo pasto successivo. Durante questa pausa gli organi coinvolti nel metabolismo, non essendo soggetti ad un lavoro impegnativo si rigenerano e migliorano la loro attività. Un esempio di colazione sfiammante e rigenerante è a base di frutta fresca e secca (prugne secche, fichi ecc) più semi oleosi (noci, mandorle, anacardi) ed una parte proteica sia vegetale che non (uova, fiocchi di avena). Come integrazione la micoterapia è un ottimo rimedio per sostenere e tonificare fegato e polmoni in associazione ad una depurazione di intestino e connettivo, terapia da valutare caso per caso a seconda dello stato di salute e dal grado di tossicità da eliminare. PAOLA CHILO’ Naturopata Esperta in riequilibrio alimentare/intolleranze/nutrizione metabolomica con orientamento psicosomatico

Per informazioni o appuntamenti 3396055882 Studio Naturopatia in Via Terruggia 1, 20162 Milano e-mail: naturopaki@gmail.com SITO: www.paolachilonaturopata.it

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn