GIORNALE DI NIGUARDA - CA' GRANDA - BICOCCA - PRATOCENTENARO - ISOLA

Andiamo avanti?

Andiamo avanti?

Certo che non si riesce a star tranquilli per un mese intero! Abbiamo passato due anni infernali, abbiamo lasciato per strada parenti ed amici, che sarebbero stati felici di proseguire con noi, ci siamo nascosti il viso con le mascherine e non erano certamente di carnevale. Quando ci è stato permesso siamo corsi, magari brevemente, al nostro Parco per respirare un po’, per vedere se almeno là c’era vita. Abbiamo tenuto duro, abbiamo portato a casa il lavoro e le lezioni scolastiche, non abbiamo visto gli amici per lunghi periodi, mentre le stagioni si susseguivano senza che potessimo viverle. Due anni, ondata dietro ondata, lutti dietro lutti! Tutti cercavano la famosa luce in fondo al tunnel ed invece è arrivato il lugubre ululato della sirena in TV. Già, per noi in TV, ma per milioni di persone direttamente nei loro orecchi, nei loro occhi, nel loro cuore! Il coinvolgimento è generale, il dolore anche. Dicevo il mese scorso che, coloro che hanno vissuto la guerra, da noi, ottant’anni fa, non si sarebbero mai aspettati di risentire quei suoni. Chi ha visto allora, di notte, bombardare i cantieri navali, le fiamme altissime all’orizzonte non ha più scordato ed oggi rivive quelle esperienze nelle scene che ci arrivano. Facciamo due passi, prendiamo il caffè, ci sediamo al tavolino in riva al laghetto nostro, ma basta un rumore insolito, un lampo ed il pensiero corre là, dove tanti stanno morendo.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn