Piscina Scarioni: linee guida della riqualificazione

È tutto ancora in divenire e molto dipenderà sia dal progetto in project financing proposto dall’operatore privato sia dal bando che pubblicherà il Comune di Milano, ma ad oggi le linee guida della riqualificazione del centro natatorio Scarioni dovrebbero ricalcare quanto segue:

1- demolizione dell’edificio su via Valfurva e di quello ad angolo con via Val Maira;

2- realizzazione di un edificio di tre piani fuori terra e un piano interrato con funzioni legate al centro sportivo e di un parcheggio;

3- recupero dell’edificio che affaccia su via Val Maira per adibirlo ad usi in parte legati al centro sportivo in parte destinati a spazi polivalenti e incubatore di aziende;

4- mantenimento e manutenzione dell’edificio parallelo a via Carlo Girola adibito a spogliatoio/tribuna e dell’edificio a sud-ovest;

5- rimozione di una vasca e ridefinizione degli spazi esterni e di quelli a verde;

6- riqualificazione degli spazi esterni, che saranno fruibili da tutti i cittadini, anche senza abbonamento, e che dovrebbero prevedere la presenza di due piscine esterne, ampia zona verde, aree pedonali e di parcheggio con pannelli fotovoltaici annesse al centro, che si aggiungono alle due piscine interne;

7- riqualificazione dell’edificio multifunzionale adiacente al centro sportivo, che verrà adibito per fornire al quartiere e alla città uno spazio di incontro, collaborazione, integrazione e pratica di particolari discipline sportive.