Inaugurata la nuova piazza di Pratocentenaro

La gestazione è stata lunga, come purtroppo accade per quasi tutte le opere pubbliche italiche, però, grazie all’urbanistica tattica, che accorcia incredibilmente i tempi di realizzazione, il sogno è diventato realtà quando, con una bella festa popolare, con tanto di banda, venerdì 14 ottobre è stata inaugurata la piazza di Pratocentenaro, fortemente voluta ed attesa dai cittadini. Questa nuova piazza, che va ad affiancarsi a quelle di Niguarda ed Isola, fa parte dell’ampio progetto “Piazze Aperte”, avviato nel 2018 e promosso dal Comune di Milano, realizzato in collaborazione con Bloomberg Associates, National Association of City Transportation Official (NACTO) e Global Designing Cities Initiative, volto a perseguire gli obiettivi di rigenerazione urbana e mobilità sostenibile del Piano di Governo del Territorio Milano 2030 e del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, nell’ambito del Piano Quartieri. “Piazze Aperte” mira così a valorizzare lo spazio pubblico come luogo di aggregazione al centro dei quartieri, con l’obiettivo di incrementare la pedonalità e promuovere la mobilità sostenibile a beneficio dell’ambiente, della sicurezza e della qualità della vita in città. Come tutte le opere che vengono realizzate sul territorio, anche se questa ha visto il fattivo coinvolgimento dei cittadini e del Municipio 9, non sono mancate, oltre gli apprezzamenti, le critiche, soprattutto fra coloro che denunciano un aumento del caos viabilistico nel quartiere ed una riduzione dei posti auto (sicuramente quelli abusivi sono stati azzerati, ndr). Rammentiamo che questa prima configurazione della nuova piazza è temporanea e potrà essere oggetto di migliorie e cambiamenti prima di procedere alla “livrea” definitiva. Prova ne è quello che sta avvenendo in piazza Belloveso a Niguarda. Al termine dell’inaugurazione abbiamo raccolto due dichiarazioni delle Istituzioni che vi proponiamo. Anita Pirovano, Presidente del Municipio 9, ci ha detto: “Una piazza aperta è un luogo in cui incontrarsi, per giocare a carte, riposare, fare una sfida a ping-pong, organizzare un corso di ballo. Ancora prima dell’inaugurazione un nuovo pezzo di spazio pubblico liberato dalle automobili si è riempito spontaneamente di persone che hanno iniziato a conoscerlo ed a riconoscerlo. A questo servono le piazze, poco o tanto che sia. Pratocentenaro non aveva una piazza e ora finalmente ce l’ha, qualcuno alla festa di apertura ha già cominciato a dirci che potremmo farla diventare un po’ più grande.” Stefano Indovino, Presidente del Consiglio di Municipio 9: ci ha detto: “Ci sono giornate che riconciliano con tutte le fatiche che il fare politica porta inevitabilmente con sé. Questa è una di quelle. L’inaugurazione della nuova piazza di Pratocentenaro, perfettibile, sistemabile, migliorabile, ma certamente meglio di quello che c’era prima, è stata emozionante. Vedere i bambini e le loro famiglie così felici ballare, giocare con le bolle grazie al Mago Jo, ascoltare incuriositi la mitica Banda d’Affori ha restituito davvero il senso di quello che vorremmo che diventasse questo spazio. L’impegno ora è nostro, di tutto il quartiere, che se ne deve prendere cura facendola vivere. Grazie a Pierfrancesco Maran ed a Marco Granelli che hanno seguito il progetto, ad Anita Pirovano che non appena si è insediata ha capito le potenzialità di questo progetto, a Demetrio Scopelliti, il padrino delle piazze tattiche milanesi, a Matteo Bianchi che ha seguito tutti i passaggi complicati del progetto, a Davide Gallina, Valerio Rebuffi, Carlo Proserpio e ai tanti che in quartiere hanno creduto in questo progetto. Solo con un bel lavoro di squadra si possono raggiungere risultati come questo. Ed è solo l’inizio.”