GIORNALE DI NIGUARDA - CA' GRANDA - BICOCCA - PRATOCENTENARO - ISOLA

Passato e Presente

Passato e Presente

Le case di ringhiera sono nate a Milano nel Novecento come residenze popolari con ballatoio e bagno esterno per ogni piano. Ospitavano il ceto operaio e gli appartamenti erano di circa 45-50 mq. Oggi, secondo una caratteristica meneghina, molti appartamenti sono stati ristrutturati e sono molto belli da vedere. Nelle foto si può notare la… Continua a leggere

L’anno di Dante (nelle scuole e sui violini di Frigo)

L’anno di Dante (nelle scuole e sui violini di Frigo)

Il 2021 è in Italia e nel mondo l’anno delle celebrazioni dantesche: infatti ricorrono i 700 anni dalla morte del poeta e sono previste iniziative e festeggiamenti su tutto il nostro territorio e in molte città straniere. Un progetto sui proverbi danteschi è rivolto agli studenti delle scuole medie e superiori: “Le parole di Dante… Continua a leggere

L’alveare e l’enciclopedia alla Casa della Memoria

L’alveare e l’enciclopedia alla Casa della Memoria

La Casa della Memoria, all’Isola, riapre al pubblico con la mostra “Interazioni antologiche – L’alveare e l’enciclopedia”. Le sculture sono di Francesco Panozzo, l’installazione artistica è stata curata da Maria Fratelli e Paolo Gallerani e questa mostra è stata inserita nella V° edizione del palinsesto CantiereMemoria. L’incontro tra l’alveare e l’enciclopedia suggerisce una metafora del… Continua a leggere

8 marzo: le donne del 9. La festa della prof a scuola

“Lunedì mattina. Entro in classe. In mano ho articoli vari, la nostra Costituzione, alcune foto ritagliate da riviste e giornali che ritraggono donne di tutto il mondo, giovani, anziane, in carriera, di colore, in tenuta sportiva, con la sporta della spesa, che spingono un passeggino, mentre lavorano in fabbrica, che sfilano in passerella, che salgono… Continua a leggere

Biancoshock e il frigo Smog

Biancoshock e il frigo Smog

L’artista milanese 38enne Biancoshock da anni lavora in 27 paesi su performance e installazioni legate all’attualità e, in città, ha trasformato tre cabinotti elettrici in altrettanti frigoriferi con cartoline della città inquinata. Lui dice che: “L’opera pubblica deve stupire”. Continua a leggere