GIORNALE DI NIGUARDA - CA' GRANDA - BICOCCA - PRATOCENTENARO - ISOLA

Restaurato il grande murale di Niguarda

Restaurato il grande murale di Niguarda

È con ogni probabilità il più grande murale antifascista in Europa e si trova all’ingresso del quartiere di Niguarda, sulla via Majorana che conduce al Pronto Soccorso dell’Ospedale. Occupa infatti uno spazio di 40 metri di lunghezza e 5 di altezza. La sezione Martiri Niguardesi dell’Anpi (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia) lo ha realizzato nel 2014… Continua a leggere

Maria Peron: da infermiera a Niguarda a partigiana in Valgrande

Maria Peron: da infermiera a Niguarda a partigiana in Valgrande

Inizia dalla fuga dall’Ospedale, perché ricercata dai tedeschi e dai fascisti, e racconta l’anno trascorso tra i partigiani della Valgrande, fino al termine della guerra. “Maria nata per la libertà” è la storia vera di Maria Peron, scritta sotto forma di romanzo da Amalia Frontali. Nel 1944 Maria è un’infermiera trentenne, originaria della provincia di… Continua a leggere

Un 25 aprile molto particolare, incredibile per la famiglia Pozzoli

Un 25 aprile molto particolare, incredibile per la famiglia Pozzoli

Una giornata intensa quella del 24 aprile a Niguarda dove, lo ricordiamo, la Liberazione si festeggia il giorno prima. Alla mattina si è svolta la posa delle corone alle lapidi, con una delegazione ridotta dell’Anpi di quartiere, causa Covid. Nel pomeriggio due importanti eventi. Dapprima l’inaugurazione di una nuova lapide dedicata a Enrico Pozzoli, in… Continua a leggere

Un fumetto per ricordare la storia di Fausto e Iaio

Un fumetto per ricordare la storia di Fausto e Iaio

Sono trascorsi quarantatré anni da quando sono stati assassinati Fausto Tinelli e Lorenzo, detto Iaio, Iannucci: era il 18 marzo 1978. Due ragazzi che vivevano nella zona di Lambrate Casoretto e, come tanti, frequentavano il centro sociale Leoncavallo ed erano impegnati socialmente nel quartiere. Un omicidio riconducibile all’estremismo di destra ma con i colpevoli mai… Continua a leggere

La memoria scritta nei libri sulla Shoah: Primo Levi

La memoria scritta nei libri sulla Shoah: Primo Levi

Proseguiamo nella recensione di libri per tenere viva la memoria dell’Olocausto. Primo Levi non ha bisogno di presentazioni. Nato a Torino nel 1919, chimico, deportato ad Auschwitz nel 1944 e rientrato in Italia nell’ottobre 1945, è stato fino alla morte, nel 1987, uno dei testimoni più importanti e conosciuti della tragedia della Shoah, grazie a… Continua a leggere

Giorno della Memoria: tante iniziative per ricordare ma soprattutto per riflettere

Giorno della Memoria: tante iniziative per ricordare ma soprattutto per riflettere

“Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario” ha scritto Primo Levi. E ogni anno ci rendiamo conto che queste parole sono sempre più attuali. Basti pensare al disgustoso episodio accaduto, proprio il 27 gennaio, nel Consiglio Comunale di Cogoleto (GE) dove ben tre consiglieri, per votare una delibera, hanno fatto il saluto fascista. C’è quindi… Continua a leggere

I partigiani che ci hanno lasciato nel 2020

I partigiani che ci hanno lasciato nel 2020

Nel 2020 in provincia di Milano sono mancati 19 tra partigiani e partigiane. Durante gli anni della guerra erano ragazzi, o addirittura adolescenti; hanno rischiato la vita e fino a quando la salute lo ha permesso sono stati testimoni preziosi della lotta al nazifascismo. Tre di loro – Domenico Arcieri, Enzo Broggi e Savino Frascari… Continua a leggere