GIORNALE DI NIGUARDA - CA' GRANDA - BICOCCA - PRATOCENTENARO - ISOLA

Covid: con il vaccino controffensiva degli over 80. Nei gazebo delle Primule e nelle strutture ospedaliere

Covid: con il vaccino controffensiva degli over 80. Nei gazebo delle Primule e nelle strutture ospedaliere

Le somministrazioni del vaccino anticovid per gli over 80 sono cominciate il 18 febbraio nei centri appositamente adibiti. Chi ha una grave disabilità che non gli consente di spostarsi in autonomia e necessita l’accompagnamento in un centro vaccinale, contatti il Medico di medicina generale. L’iter della campagna vaccinale prevede due fasi distinte. Prima di tutto… Continua a leggere

Covid: che cosa non funziona in Regione Lombardia? Intervista esclusiva al vicepresidente Carlo Borghetti

Covid: che cosa non funziona in Regione Lombardia? Intervista esclusiva al vicepresidente Carlo Borghetti

Gero Urso non ha potuto preparare la sua consueta vignetta. Pubblichiamo quindi quella di luglio di argomento simile. Di fronte al Carognavirus la Sanità lombarda non ha chiamato gli ospedali privati ad aiutare quelli pubblici, che, compreso il Niguarda, se la sono comunque cavata bene, ma sono arrivati vicini al collasso dei posti letto. Allo… Continua a leggere

Coronavirus: l’ospedale di Niguarda in prima linea nelle vaccinazioni

Coronavirus: l’ospedale di Niguarda in prima linea nelle vaccinazioni

Domenica 27 dicembre, prima delle 8, arrivano all’ospedale di Niguarda le prime 324 fiale di vaccino anti-covid destinate a essere distribuite nei vari centri di vaccinazione della Lombardia affinché ne usufruiscano medici, infermieri e il resto del personale sanitario coinvolto nei trattamenti anticovid, Nell’occasione si sono prestati a “provare” l’innocuità e l’efficacia del vaccino diversi… Continua a leggere

Meglio un Natale sobrio e casalingo che un altro anno di coprifuoco

Meglio un Natale sobrio e casalingo che un altro anno di coprifuoco

Da Natale a Capodanno – cioè nel pieno della seconda ondata della pandemia, ma anche in presenza di una diminuzione dei contagi che non dobbiamo farci sfuggire – niente tavolate, veglioni, balli, vacanze in montagna, movide scatenate, shopping affollati, spostamenti turistici di massa. Tali misure anti assembramenti pericolosi del governo trovano concorde la stragrande maggioranza… Continua a leggere

Carognavirus ci ha ridotti a una zona rossa. Ma noi ce la faremo anche questa volta

Carognavirus ci ha ridotti a una zona rossa. Ma noi ce la faremo anche questa volta

Come stabilisce il decreto anti Covid, in questo periodo di “quarantena collettiva”, ci si può spostare da un Comune all’altro soltanto per andare a lavorare, per ragioni di salute o per altre necessità dimostrabili mediante autocertificazione. Questo perchè meno si va in giro e minori sono le possibilità di beccarsi il contagio o di portarlo… Continua a leggere

Parco Nord: dibattito su Vasca Sì o Vasca No tra Arturo Calaminici e Marco Granelli

Parco Nord: dibattito su Vasca Sì o Vasca No tra Arturo Calaminici e Marco Granelli

Noi, con le vignette del nostro Gero Urso ci scherziamo su, ma nella realta il Seveso “festeggia” 116 esondazioni in 45 anni. Una situazione drammatica che coinvolge decine di migliaia di cittadini e centinaia di imprese e di negozi. Ma che purtroppo vede anche polemiche divisioni sui i modi per risolvere il problema e in particolare sulla vasca… Continua a leggere

Dossier Seveso: come evitare le esondazioni – Le proposte dei Vasca Sì e dei Vasca No

Dossier Seveso: come evitare le esondazioni – Le proposte dei Vasca Sì e dei Vasca No

È partito al Parco Nord il cantiere per la vasca che dovrebbe evitare le esondazione del Seveso in tutta la nostra zona. Si è quindi subito rinfocolato il contrasto tra i Vasca Sì, che la difendono perché secondo loro metterebbe i nostri quartieri per sempre al sicuro dall’acqua in casa, e i Vasca No, che… Continua a leggere

L’ospedale di Niguarda a pieni voti contro il Covid

L’ospedale di Niguarda a pieni voti contro il Covid

Al Niguarda la battaglia di primavera contro il Carognavirus alla fine l’hanno vinta. Il 29 giugno, dopo 4 mesi di impegno totale di medici, infermieri, ausiliari (e cittadini che hanno rispettato le regole anti-contagio), è stato dimesso l’ultimo paziente permettendo di chiudere il reparto di terapia intensiva anti Covid. Il lavoro svolto dall’Ospedale dal 20… Continua a leggere